CONSULTA IL PROGRAMMA DI CITTA' ESTATE 2017

FRANCAVILLA FONTANA

Home Page

Brindisi

300GRADI

PIZZERIA - PANINOTECA

ARGENTIERO

AZIENDA AGRICOLA

BEAUTY & SPA

PARRUCCHIERI

BIO ERBORISTERIA

ERBORISTERIA

BONIFACIO - MON AMOUR

ABITI DA SPOSA

BRACCOBALDO SHOP

NEG.ANIMALI

CAFFE' CENTRALE

BAR PUB

CHIONNA RAFFAELE

COMPLEMENTI D'ARREDO

CITO MARE E TERRA

RISTORANTE

DITTA SCIALPI

INFISSI

DOMINA LEGNAMI

LEGNAMI

EDIL FER

MATERIALE PER L'EDILIZIA

FASHION COSMETICS

FORNITURE PER PARRUCCHIERI - CENTRO ESTETICI

FLOWERS SHOP

ADDOBBI FLOREALI

FONTANA ASCENSORI

ASCENSORI

GIOCART

CARTOLERIA

ICEM

PRODOTTI SPECIALI PER L'EDILIZIA

LAVASELF

LAVANDERIA SELF-SERVICE

MAIL BOXES ETC.!

SERVIZI

MAISON MAGIQUE

TELOFONIA

ON-AIR

ABBIGLIAMENTO

UOMO-DONNA

PASTICCERIA DEL CORSO

BUFFET PASTICCERIA

RIBEZZO GIOVANNI

OFFICINA MECCANICA

SICURITY ENERGY

IMPIANTI ELETTRICI

SPORTIG SHOP

SCARPE

TECNOFINCASA

IMMOBILIARE

TESORI DI CARTA

CARTA PESTA

TECNONET

PERSONAL COMPUTER VENDITA E ASSISTENZA

 

Cenni Storici di Francavilla Fontana

Il Principe di Taranto Filippo d’Angiò (fratello di Roberto re di Napoli) e Giovanni Antonio Orsini. Leggenda vuole che il 14 settembre 1310 durante una battuta di caccia a cui parteciparano il Principe e la sua corte, ritrovò l’immagine sacra della Vergine, detta per questo motivo Madonna della Fontana, per la vicinanza ad un ruscello. Filippo d’Angiò volle onorare il ritrovamento con l’innalzamento di una chiesa sul luogo e con la promessa dell’esenzione dei tributi per coloro i quali avessero voluto stabilirsi nei dintorni, e da qui il nome Franc ville (città franca), termine che indicava una città esente da tributi mentre “Fontana” ricorda la fonte. Nel 1450, Giovanni Antonio Orsini diede inizio alla costruzione del Castello; quindi i Bonifacio abbellirono e ampliarono la città in sintonia con il clima artistico rinascimentale. Nella seconda metà del cinquecento, fu la volta dei Borromeo tra cui il cardinale Carlo (futuro S. Carlo) che diedero impulso alla costruzione di chiese, conventi e scuole. Il 1579 segna una svolta importantissima nella storia di Francavilla: il Feudo viene acquistato dal genovese Davide Imperiali, il feudatario che dette prestigio alla città per le sue illustri ascendenze eper le opere che contraddistinsero il suo marchesato. Il figlio Michele che gli succedette, trasferì la propria famiglia in Francavilla ed arredò una splendida abitazione nel castello. Nelle mani degli Imperiali il potere feudale seppe coesistere con innovazioni e riforme che migliorarono il tenore di vita delle classi povere, resero meno esoso il sistema di tassazione, promossero l’istituzione pubblica, curarono l’edilizia. Nel 1782 con la morte di Michele IV Francavilla fini di legare la sua storia a quella degli Imperiali. Francavilla ormai contava quasi undicimila abitanti: viveva prevalentemente di agricoltura, ma proliferava di artigiani, commercianti e imprenditori vari. Il titolo di città fu concesso il 19 Aprile 1788 da Ferdinando IV di Borbone. Dopo il terrimoto del 1743, molti palazzi distrutti furono ricostruiti. Dal 1870 l’energica ripresa della realizzazione di opere pubbliche portò Francavilla agli stessi livelli delle più grandi città pugliesi. Il castello divenne una confortevole ed elegante dimora, il raffinato Palazzo Imperiali, simbolo della città.    

 

Da Visitare

Chiesa Matrice: Edificata nel luogo dove venne rinvenuta l'icona, è stata ricostruita dopo il terremoto del 1743 (da allora l'icona è collocata sull'altare del Cappellone); maioliche policrome ricoprono la cupola.    

                                                                                     

Santuario di S. Maria della Croce: E' una trasformazione seicentesca di una cappella annessa al cenobio basiliano della Santa Madre di Dio (XI secolo); all'interno, icona bizantina della Madonna. Chiesa dell'Immacolata, Chiesa di S. Eligio, Chiesa di S. Salvatore, Chiesa di S. Alfonso, Chiesa di S. Giovanni Battista, Chiesa di S.ta Chiara, Chiesa di S. Sebastiano, Chiesa dello Spirito Santo, Chiesa del Carmine, Chiesa della Madonna delle Grazie, Chiesa di S. Nicola, Chiesa dei Sette Dolori,

 

Castello degli Imperiali:  Eretto nel 1450 dai del Balzo, ampliato nel'500 e ristrutturato due secoli dopo dalla famiglia che gli ha dato l'attuale denominazione: a pianta rettangolare con basamento a scarpa e torrioni angolari, presenta una deliziosa loggia barocca a quattro arcate finemente guarnita ,che alleggerisce la severa mole insieme ai due bei portali settecenteschi; un fonte battesimale del XIV secolo orna il cortile porticato, opera di Ferdinando Sanfelice al pari dello scalone a due rampe che porta alla sala del Consiglio, arricchita da numerose tele. Palazzo Sedile, Palazzo Carissimo, Palazzo Caniglia-Incalza, Palazzo Basile-Di Castri, Palazzo Carrieri, Palazzo Forleo-Cafaro, Palazzo De Fazio-Fanelli, Palazzo Clavica-Guarini, Palazzo Formosi, Palazzo Barbaro-Forleo, Palazzo Argentina, Torre dell'Orologio, Porta Cappuccini, Porta del Carmine, Porta della Croce.   Insediamenti rupestri di Masseria la Croce e Masseria Caniglia, Siti archeologici (Specchia Calò e Giovannella; Masserie Guardiola e Don Luca; Centorizzi e Casina Schiavone),

 

I riti della Settimana Santa in Francavilla Fontana


In tutti i comuni della Puglia si svolge la caratteristica processione dei Misteri, Di grande impatto e suggestione sono le rappresentazioni che si svolgono in notturno a Francavilla Fontana. I riti della Settimana Santa hanno inizio la Domenica delle Palme con la tradizionale processione dei crociferi incappucciati "Li pappamusci", (nome che deriva dal greco antico, forse ad indicare il "prete nero" o "prete lento, silenzioso". Inoltre c'è chi ritiene l'origine del nome,derivante dalla lingua spagnola, individuando nei pappamusci, i "papamoscas", cioè gli sciocchi). Gli incampucciati penitenti di Francavilla Fontana, confratelli della Congregazione del Carmine, sono l'esempio più singolare della Settimana Santa. In realtà ogni cappuccio bianco ha un volto, una colpa da espiare, una preghiera da intercedere, un voto da esaudire. Dalle prime ore pomeridiane del Giovedì, per tutta la notte, fino al tramonto del Venerdì, attraversano a piedi nudi il paese, di chiesa in chiesa, per far visita e per sostare, in preghiera, davanti ai Sepolcri, dove riposa il Cristo morto. Il pomeriggio del Giovedì Santo si entra nel vivo dei riti pasquali con il pellegrinaggio ai sepolcri organizzato dalla Confraternita del Carmine. Per tutta la mattinata del Venerdì Santo continua il pellegrinaggio dei " pappamusci", per i sepolcri, mentre tre confraternite, a turno ogni anno portano in processione le statue rappresentanti la Madonna Addolorata. Alla sera ha inizio la processione dei Misteri con la commovente statua del "Cristo sotto la croce", detto "Cascata" alla quale partecipano tutte le confraternite di Francavilla Fontana; ognuna porta in spalla una delle stupende statue che rievocano i momenti della passione e morte di Gesù Cristo.

 

Frazioni

Bax Capece 

 

 
Provincia Frazioni Popolazione Superficie (km²) Densità (ab./km²)

Provincia di Brindisi

1

36.592

175.27

209.1

 

CONDIVIDI 

Numeri Utili

Ospedale                                                        

0831.851111

Emergenza Soccorso Sanitario 118
Pronto Soccorso  0831.841410
Guardia Medica  0831.859960
Carabinieri “Pronto Intervento” 112
Carabinieri    0831.841505
Polizia “Pronto Intervento” 113
Polizia    
Guardia di Finanza “Pronto Intervento”  117
Guardia di Finanza  0831.841941
Vigili del Fuoco “Pronto Intervento” 115
Vigili del Fuoco 0831.841222
Vigili Urbani   0831.841014
Soccorso ACI 803.000
Municipio  0831.820111
Biblioteca  0831.844098
Piscina Comunale 0831.815916
Ferrovie dello Stato  0831.815754
Cinema Teatro Italia 0831.812373
Poste e Telecomunicazioni 0831.841081

Previsioni Meteo Francavilla Fontana 

 

 

COMUNICA CON LA REDAZIONE

 

 

 

 

 

Copyright © 2007-2010 -  PubbliMix PUBBLICITA' Tutti i diritti riservati - P.IVA 02139110742